Sciopero utenti Ebay contro le nuove regole previste per le aste online

Agitazioni tra gli utenti del famoso sito di aste per le nuove regole entrate in vigore. Per adesso solo negli Usa


E' prevista per domani l’applicazione, da parte della dirigenza del sito di Ebay, del nuovo regolamento su temi estremamente sensibili quali tariffe e feedback ed è così che i piccoli imprenditori che hanno fatto di eBay la loro vetrina si sono detti pronti alla serrata per protestare contro le nuove tariffe ridotte ed i feedback a senso unico.

La riorganizzazione delle tariffe ha gettato nel panico i venditori professionisti, dal momento che va a delinearsi l’aumento dei costi percentuali sul valore di vendita, che eBay intasca su ogni transazione, aumenti che, per forza di cose, rischiano di rendere meno competitivi i prodotti in vendita e parallelamente è stata decisa la riduzione dei costi d’inserzione, al fine di attirare i venditori occasionali, con l’obiettivo di aumentare il volume delle contrattazioni sulla piattaforma e fidelizzare una parte dei nuovi utenti.

Utenti che, toccando il secondo nervo scoperto da cui parte la protesta, non si troverebbero più veramente tutelati, per via della modifica della politica dei ‘feedback’, lo strumento attraverso il quale gli utenti del sito esprimono il proprio parere su venditori ed acquirenti, per ogni transazione.

La nuova politica di eBay consentirebbe solo all’acquirente di lasciare il feedback, aumentando così il rischio di creare i presupposti perché la logica del ‘feedback’, nella sua mancata reciprocità, non sia più garanzia di qualità (o meno) del venditore…ma neanche dell’acquirente.

Le nuove regole dovrebbero trovare applicazione a partire dal 20 febbraio 2008, per il momento solo negli Stati Uniti.

Fonte: pubblicato il