Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: disegno legge nuovo con soluzioni importanti per diverse categorie. Per chi, quando

Nuovi ddl presentati per risolvere i casi dei quota 96 della scuola e degli esodati: le novità e ultime notizie sulla riforma pensioni

Pensioni Governo Renzi riforma ultime no


C’è ancora tanta confusione sulla questione pensioni, le novità necessarie per modificare la riforma pensioni attuale, gli annunci, le nuove proposte. E ancora il nulla di fatto. Pur essendo tutti d’accordo sulla necessità di interventi pensionistici, si continua a discutere e continuano ad arrivare nuovi ddl, nell’attesa che si giunga all’approvazione di uno di quei piani di uscita anticipata che renderebbero più flessibile per tutti il pensionamento. Per arrivare a questo traguardo, sarà necessario superare gli ostacoli di Mef e Ue che continuano ad essere contrari a qualsiasi intervento sulle pensioni.

Durante la scorsa settimana sono stati presentati nuovi ddl che vertono, per esempio, sull’uscita a quota 100 che, proposta da Cesare Damiano, sostenuta da Sel, Lega e sindacati, permetterebbe al lavoratore di scegliere andare in pensione a 60 anni di età e 40 di contributi, 61 anni di età e 39 di contributi, 62 anni di età e 38 di contributi e così via, purchè la somma tra anni di lavoro e requisiti contributivi dia 100, è stata rimodulata nel ddl presentato dall’onorevole Prataviera, che, invece, prevede il raggiungimento minimo o di 35 anni di contributi o di 58 anni, meccanismo che permette così di scegliere di andare in pensione a 58 anni di età e 42 di contributi, a 59 anni di età e 41 di contributi, o con 35 anni di contributi e 65 anni di età, o con 36 anni di contributi e 64 di età, 37 di contributi e 63 di età, e così via.

Ma non solo: presentati un altro ddl presentato sulla nuova proposta di incentivare i versamenti volontari e rendere più vantaggioso il riscatto degli anni della laurea; e la proposta di pensione con 35 anni di contributi e di un importo fisso di 800 euro al mese per 14 mensilità, che diventano mille euro con 40 anni di contributi. A questi ddl si aggiungono le novità per i prepensionamenti dei lavoratori dipendenti della P.A. prima dei 62 anni senza penalizzazioni e la definizione del decreto per i pensionamento anticipato dei dipendenti in esubero delle Province.

Sono tante, dunque, le proposte per singole categorie, ma non ci siano leggi universali come ci sarebbe bisogno. Ne è un esempio l’assegno universale che sembra quasi certo, è appoggiato da tutti, compresa l’Ue, ma per cui manca ancora una ufficializzazione, che, secondo quanto annunciato dal presidente dell’Inps Boeri, dovrebbe arrivare a giugno in una proposta organica.

Tra le novità e ultime notizie, una nuova salvaguardia per i 26mila lavoratori che hanno cessato l'attività lavorativa entro il 2011, la soluzione per i quota 96 della scuola: queste le principali novità nel disegno di legge depositato ieri in Commissione Lavoro. Novità anche per i ferrovieri: è stato presentato, infatti, un altro disegno di legge che chiede al governo un regolamento di armonizzazione dei requisiti pesionistici diversi da quelli validi per l'AGO, cui sono legati i ferrovieri, per il personale addetto alla condotta dei treni ed assimilati.

di Marianna Quatraro pubblicato il