Pensioni ultime notizie quota 100, mini pensioni, quota 41 resoconto audizioni e stasera la finale del Tesoro

Dopo il confronto con Confindustria, attesi prossimi appuntamenti di oggi e domani di confronto sulle novità per le pensioni: resoconto e prospettive

Pensioni ultime notizie quota 100, mini


Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore XX:XX): Nel coro di critiche che ha ricevuto il testo della maggioranza, sia per ragioni politiche che tecniche, si è aggiunta la voce di dissenso dell'associazione degli industriali in riferimento alle novità per le pensioni ovvero all'assenza di un progetto di staffetta generazionale che, come da ultime e ultimissime notizie, la maggioranza non vuole inserire.

Pensioni ultime notizie e ultime, ultimissime notizie e pensioni novità (AGGIORNAMENTO ore 21:10): C'è anche l'associazione degli industriali a voler far sentire la propria voce sulle intenzioni della maggioranza, novità per le pensioni incluse. E sotto quest'ultimo versante, il pensiero continua a essere quello di perplessità per l'assenza di novità per le pensioniche favoriscano una reale e profonda la staffetta generazionale per rilanciare competitività e produttività di cui, come testimoniano le ultime e ultimissime notizie, c'è molto bisogno.

Si è conclusa con Confindustria la prima giornata di audizioni sulle misure che sono state al momento inserite nel nuovo testo unico, comprese le novità per le pensioni. E stando alle ultime notizie, se Confindustria sembra aver promosso gli interventi previsti soprattutto in merito ai piani di rilancio degli investimenti e alle misure per le imprese, d’altro canto, ha criticato le decisioni della maggioranza sulle novità per le pensioni. Per Confindustria il nuovo testo unico potrebbe dare impulso alla crescita economica e rafforzarla ma le ultime novità per le pensioni di mini pensione e quota 42 non dovrebbero rivelarsi, secondo le previsioni, altrettanto vantaggiose. Per Confindustria, infatti, mini pensione e quota 41 non sarebbero le novità per le pensioni ideali né come modifica delle attuali norme pensionistiche né a sostegno dell’occupazione, perché si tratta ancora una volta di novità per le pensioni che non sono strutturali, ma una tantum e sperimentali (per tre anni) che non si riveleranno importanti per rilanciare occupazione giovanile, e di conseguenza produttività ed economica in generale, come avrebbero potuto fare, per esempio, novità per le pensioni di quota 100 e quota 41 per tutti.

Queste ultime, infatti, sarebbero state le soluzioni pensionistiche ideali per tutti sia per cambiare le attuali norme previdenziali rendendole meno rigide, sia per un rilancio dell’occupazione giovanile, capaci infatti di innescare quel meccanismo di ricambio generazionale che le attuali mini pensioni e quota 41 non riusciranno ad avviare, soprattutto considerando le troppe limitazioni e le troppe condizioni previste per l’accesso. La posizione espressa da Confindustria è, del resto, riportata dalle ultime notizie anche da parte dei giovani industriali e delle altre associazioni, come quella dei commercianti e degli artigiani, che da sempre sostengono l’importanza di attuazione di novità per le pensioni soprattutto perché collegate al lavoro e al rilancio dell’occupazione giovanile. In mancanza di questa, diciamo, condizione, difficilmente le novità per le pensioni sarebbero vantaggiose e rischierebbero, al contrario, di rivelarsi solo un ennesimo spreco di denaro da parte della maggioranza.

All’indomani dell’appuntamento con Confindustria, si attendono nuovi confronti da cui potrebbero emergere ulteriori informazioni sulle ultime novità per le pensioni: in particolare, oggi, lunedì, sono protagonisti di nuove audizioni nei gruppi competenti che si occupano del testo unico, i rappresentanti di Bankitalia, Corte dei Conti, Istituto di Previdenza, Consiglio nazionale economico, e il presidente dell'ufficio parlamentare di bilancio. Probabilmente in occasione di questo nuovo confronto emergeranno le posizioni critiche nei confronti delle novità per le pensioni che la maggioranza sta portando avanti sia di Bankitalia che della Corte dei Conti. Entrambe, infatti, ritengono che mini pensione e quota 41 così come formulate attualmente non porteranno alcun vantaggio ma che sarebbe necessario concentrarsi su ulteriori novità per le pensioni che innanzitutto siano strutturali ma che soprattutto rappresentino nuova spinta alla ripresa economica attraverso i rilancio della produttività risultato di una ripresa dell'occupazione giovanile in Italia.

Domani, poi, martedì, ci sarà l’audizione considerata forse più importante, quella con il ministro dell’Economia, che tornerà a parlare dei provvedimenti che sono stati inseriti nel nuovo testo unico, comprese le novità per le pensioni. Ci si chiede quali saranno le eventuali novità che saranno da lui spiegate in merito alle pensioni, anche se non c’è molto di positivo da aspettarsi, considerando che secondo il responsabile del Dicastero del Tesoro, le regole pensionistiche attuali, pur se effettivamente rigide, sono ancora le uniche che riescono a garantire sostenibilità economica al nostro Paese, motivo per il quale saranno mantenute ancora per un po’ pur se con le ultime novità per le pensioni di mini pensione si darà la possibilità a chiunque lo volesse di lasciare anzitempo la propria occupazione a fronte di decurtazioni sulla pensione finale, per la mini pensione con oneri, mentre per le categorie di persone svantaggiate non sarà previsto alcun onere.

di Marianna Quatraro pubblicato il