Nuovo Governo Gentiloni ufficiale, nuovo Presidente del Consiglio. Come sarà Governo, quali Ministri

Il Capo dello Stato Sergio Mattarella vorrebbe risolvere la crisi già entro lunedì prossimo. Anche in seguito alla decisione della Bce di non concedere la proroga per la ricapitalizzazione di Mps

Nuovo Governo Gentiloni ufficiale, nuovo

Ultima giornata di consultazioni al Quirinale


AGGIORNAMENTO: e' stato deciso di affidare il mandato per formare il Nuovo Governo a Gentiloni come Nuovo Presidente del Consiglio. I tempi sono molto stretti, Martedì dovrebbe richiedere la fiducia presentando i nuovi Ministri

AGGIORNAMENTO: E nel discorso infatti, non è stato detto sul nome, ma si è deto che il mandato sarà dato a breve.

AGGIORNAMENTO: E' arrivata tra le ultime notizie e ultimissime che stasera vi saà un discorso di Mattarella alla fine delle consultazioni probabilmente alle ore 20 ma è difficile che venga già dato il nome a cui verrà affidato il nuovo Governo e sarà il Nuovo presidente del Consiglio ma è più facile che venga indicato come sono andate le consultazioni.

Diciassette delegazioni parlamentari delle forze politiche minori in due giorni. Un’accelerazione impressa da Mattarella che vorrebbe al più presto chiudere la fase delle consultazioni e sciogliere così nel più breve tempo possibile la riserva sul successore di Matteo Renzi sulla poltrona di Palazzo Chigi. Già entro lunedì prossimo. Per questo la terza giornata, quella conclusiva di oggi Mattarella incontrerà le delegazioni delle maggiori forze politiche presenti in Parlamento. Dalle undici alle diciotto sono attesi al Colle gli esponenti del Movimento Cinque Stelle, Silvio Berlusconi per Forza Italia ed il Partito Democratico che resta l’azionista di riferimento visto che uscì vittorioso, seppure per pochissimo, alle scorse elezioni politiche.

Mattarella ripete ai suoi più stretti collaboratori che bisogna fare presto. Ancora di più dopo la decisione della Bce di non concedere la proroga ai dirigenti della Monte dei Paschi di Siena, impegnati in una difficile azione di ricapitalizzazione dell’istituto senese. Dalla Banca Centrale Europea hanno fatto sapere che il tempo concesso per portare a termine questa operazione è scaduto anche perché ne è stato concesso in abbondanza senza essere però utilizzato in maniera efficiente. Un fulmine a ciel sereno che ha squarciato il velo di Piazza Affari. Durante la fase finale delle contrattazioni del venerdì, infatti, il diffondersi di questa notizia ha provocato un’immediata inversione di tendenza del titolo che fino a quel momento stava compiendo una lenta ma costante risalita e che in pochi minuti ha visto crollare del dieci per cento il valore delle sue azioni.

Vero è che da Palazzo Chigi fanno sapere che, in caso di necessità, è stato già predisposto il decreto legge sul salvataggio dell’istituto di credito più antico del mondo, che il governo seppur dimissionario potrà trasformare in legge.

La strada che ha intrapreso il Capo dello Stato è certamente lastricata di difficoltà, ma Mattarella è determinato a chiudere la partita in tempi brevissimi. Per questo gli appelli al voto anticipato cadranno molto probabilmente nel vuoto e verrà scelta una soluzione che metta d’accordo le forze politiche maggiori che occupano gli scranni del Parlamento per un governo che amministri questa fase delicata, mettendo mano almeno alla riforma della legge elettorale dopo che la Consulta avrà dato il proprio parere sulla legittimità costituzionale dell’Italicum.

Le ultime febbrili ore vissute dal Quirinale venerdì sera hanno avanzato qualche ipotesi su chi sia il favorito nel toto Premier. Escluso quasi certamente un Renz-bis, gli indizi raccolti dagli esperti indicano Paolo Gentiloni, ministro degli Esteri nel Governo dimissionario, come uno dei probabili favoriti per spuntarla. Gentiloni, oltre ad essere in sintonia con Matteo Renzi, sembra aver mantenuto ottimi rapporti anche con il resto del Partito Democratico. Un aspetto da non sottovalutare perché consentirebbe di soddisfare l’esigenza di rappresentanza di ciascuna anima democrat. Da quelle più vicine al Premier-Segretario a quelle più distanti. Gentiloni è stato l’unico politico a varcare per due volte la soglia di Palazzo Chigi, forse per approntare la strategia che, in tempi brevi dovrebbe portare l’ex ministro alla guida del governo che dovrebbe nascere già lunedì e dare la possibilità a Renzi di riorganizzare le fila interne, ma anche esterne al Pd, per provare a dare nuovamente l’assalto al potere. Gli sviluppi decisivi di questa intricata matassa potrete seguirli in tempo reale su Business Online.

di Luigi Mannini pubblicato il