Nuove forme di mutuo dalla banca austrialiana Macquarie Bank che arriva inItalia

In questi giorni è 'on air', specie sulle radio (dove l'ha sentita il sottoscritto), la campagna pubblicitaria di una banca australiana fino ad oggi sconosciuta sul mercato italiano, la Macquarie Bank.


In questi giorni è "on air", specie sulle radio (dove l'ha sentita il sottoscritto), la campagna pubblicitaria di una banca australiana fino ad oggi sconosciuta sul mercato italiano, la Macquarie Bank.

Sconosciuti ma solo a noi italiani, poichè il Gruppo è presente in 23 Paesi con oltre 6.800 dipendenti. In Italia le sedi principali sono a Milano e a Roma. La loro strategia per il mercato italiano punta tutto sulla specializzazione sui mutui residenziali, prodotto per il quale hanno costruito un sito internet ad hoc. La loro comuicazione parla di finanziamenti fino al 100% del valore dell'immobile con durate anche fino a 40 anni, sia per prima casa, che per ristrutturazione oppure acquisto per scopi di investimento.

Ma l'arma segreta è l'opzione Macquarie, che viene descritta così nel loro comunicato stampa :

La risposta ai bisogni delle famiglie è oggi l’Opzione Macquarie, che consente al cliente di effettuare versamenti di capitale - anche minimi - per ridurre la durata del mutuo e risparmiare sugli interessi, con la possibilità di poter riottenere tali importi alle stesse condizioni del mutuo, per far fronte ad eventuali ulteriori esigenze finanziarie

Innovazione che per altro sembra essere ben radicata nel dna di questo Istituto, sentite questa storia presente sul loro sito :

Era il 1813, infatti, quando il governatore del Nuovo Galles del Sud, Lachlan Macquarie, si trovò di fronte a una grave scarsità di moneta. Per risolvere il problema, ebbe una grande intuizione: comprò dollari d'argento spagnoli del valore di cinque scellini e li fece bucare al centro. Nacquero così l'Holey Dollar, il "dollaro bucato" con valore di cinque scellini, e il Dump, con valore di uno scellino e tre pence.
In un sol colpo, il governatore Macquarie aveva trovato un modo semplice ed efficace di raddoppiare il numero di monete in circolazione, aumentando il loro valore nominale di circa il 25%.

Di fronte a tanta genialità ci si puo' fidare !

di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il