Banca Intesa aumenta i tassi di interessi di mutui e invita a stipulare una polizza Proteggimutuo

Arriva da Adusbef l’allarme sulle condizioni contrattuali inique imposte da Banca Intesa ai risparmiatori


Arriva da Adusbef l’allarme sulle condizioni contrattuali inique imposte da Banca Intesa ai risparmiatori. Da lunedì scorso, 1 Ottobre 2007, l’istituto di credito avrebbe infatti imposto ad ogni cittadino richiedente il mutuo presso i propri sportelli, di stipulare una costosa assicurazione denominata “Proteggimutuo“. La sola polizza vita incide su un mutuo di 120 mila Euro di durata di 25 anni per ben 30,49 euro sulle singole rata del mutuo, se poi si stipula la multirischio la rata si alza di 48,66 euro.

In più, sottolinea l’Associazione, Banca Intesa, oltre ad aver aumentato dello 0,40% i tassi sui mutui, ha così aumentato il divario con l’Europa la cui media dei saggi è inferiore di oltre un punto, essendo fissati al 4,90% nell’UE contro il 5,96 dell’Italia, ed ha rialzato, sempre dal 1 ottobre scorso, i tassi Prestintesa di 1 punto, che passano così dal 7,25 all’8,25%, con la motivazione della crisi dei mutui sub-prime.

Banca Intesa, in effetti, ha annunciato già martedì il ritocco (+0,35-0,40%) dei tassi fissi per i mutui alla clientela stipulati a partire dal 1 ottobre, proprio come conseguenza delle «forti tensioni sulla liquidità circolante sui mercati». I rincari, secondo i dati riportati in una circolare della banca, arrivano a un massimo dell’1% per i prestiti “Prestintesa maxi tasso fisso”. Nella giornata di mercoledì è stata comunque registrata una limatura per i tassi interbancari euro, che sono scesi al 4,79% (scadenza 3 mesi), e al 4,374% (a un mese, dal 4,383% della vigilia).

di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il